Scrivo lettere, non ho mai imparato a fare newsletter.

Mi capiterà di avvisarti su novità e vendite speciali, certo, ma preferirò raccontarti di viaggi e materiali preziosi, letture illuminanti e nuovi gioielli. Ti prego di entrare e aspettare di ricevere la prima email, non mi offenderò se poi vorrai andar via.

No Grazie

Oro Fairtrade

 È con immenso onore che scrivo di essere la prima e, per ora, unica orafa italiana autorizzata all'uso dell'oro più prezioso del mondo: l'Oro Certificato Fairtrade.

La nostra modalità di lavoro, attenta e completamente autonoma, ci consente di prendere parte alla filiera di certificazione Fairtrade.
È la tracciabiltà, in qualsiasi processo produttivo, ad essere condizione di eticità e sostenibilità. 

In questa pagina racconterò di chi è coinvolto nei processi di estrazione dell’oro e dell’impatto che questo metallo prezioso ha sulle persone e il Pianeta.

L'oro è un simbolo di amore, potere e benessere

maraismara

La maggior parte dell’oro richiesto dall’industria orafa viene estratto, mentre il resto arriva da scarti e riciclo. Di questo oro di nuova estrazione, quattro quinti proviene da grandi miniere industriali, mentre l’altra parte da miniere artigianali su piccola scala. 

Le miniere artigianali sono composte da individui, piccoli gruppi di persone, famiglie e cooperative che estraggono l'oro dal suolo con un minimo, se non completamente assente, aiuto meccanico. È un lavoro logorante, intenso e raramente regolato.

Fairtrade lavora al fianco di queste miniere perché la sua missione è supportare le persone ad uscire dallo stato di povertà attraverso il loro lavoro. 

Le miniere artigianali sono la più grande forma di impiego al mondo dopo l'agricoltura. Circa 100 milioni di persone dipendono da queste piccole attività di estrazione per la loro sopravvivenza, 16 milioni sono coinvolte nelle miniere d'oro.
Questi minatori producono appena il 15% dell'oro estratto al mondo, ma rappresentano il 90% dell'intera forza lavoro del settore.

oro fairtrade

Manuel Reinoso Rivas, presidente della Peruvian National Small-Scale Mining Association, dichiara: "Per estrarre l'oro necessario appena a 250 fedi nuziali, occorrono circa 60 persone che lavorino 24 ore al giorno per 12 giorni".

Come viene estratto l'oro

In qualche caso viene rinvenuto nei letti dei fiumi e può essere estratto con vaghe e casseruole, ma la maggior parte giace in rocce dure che vanno portate in superficie attraverso esplosivi e attrezzi.
Queste rocce vengono frammentate e delle sostanze chimiche, spesso tossiche come mercurio e cianuro, sono impiegate per ricavarne l'oro. Il risultato si chiama doré, l'oro semi-prezioso che viene venduto dai minatori.

Su gentile permesso di Altreconomia, posso farvi leggere parte di un reportage su come viene invece estratto l'oro fuori dagli Standard Fairtrade: qui.

Perché è importante conoscere la provenienza dell'oro e, dunque, bisognerebbe scegliere quello totalmente tracciabile?

Le piccole miniere artigianali sono guidate dalla povertà, spesso sono improvvisate senza alcuna autorizzazione, e i minatori possono anche mancare delle conoscenze necessarie a lavorare in maniera sicura.
L'oro che proviene da queste miniere può danneggiare sia le persone che l'ambiente, e non conoscere da dove proviene il metallo utilizzato nei tuoi gioielli potrebbe significare contribuire, pure se indirettamente, a:

1. Un ciclo di povertà

La vita dentro e attorno a una miniera artigianale è un inferno. I minatori spesso non guadagnano abbastanza da sfamare le loro famiglie o semplicemente da coprire i costi di estrazione. Le condizioni possono essere estremamente pericolose.


Fairtrade gold

    Allagamenti ed intossicazioni da monossido di carbonio sono molto frequenti in queste miniere.

    " Vorrei che le miniere fossero più sicure. Scavo dei tunnel piccoli perché altrimenti, se fossero più larghi, le pareti potrebbero crollare. Lo scorso anno c'è stato un incidente: le pareti sono collassate e due minatori sono morti sepolti. Ho paura che potrebbe accadere anche a me e che la mia famiglia soffrirebbe...In queste miniere si rischia la vita."
    Fred Ejakait, 25 anni, minatore in una miniera non certificata dell'Uganda

    2. I danni dei componenti chimici

    Mercurio e cianuro hanno un effetto devastante sull'ambiente e la vita dell'uomo, se non usati correttamente durante il processo di estrazione dell'oro. Queste sostanze continuano ad essere utilizzate perché forniscono una soluzione efficiente ed economica nel recupero dell'oro.

      "Mentre ero incinta continuavo a lavorare pulendo l'oro con il mercurio. Utilizzavo la stessa bacinella in cui lavavo il mio bambino, e bruciavo il mercurio all'aperto, a mani nude."
      Stella Adake, 30 anni, madre e membro della Busia United Small Scale Mining Association (BUSSMA), una miniera che sta lavorando per ottenere la certificazione Fairtrade in Uganda

      oro fairtrade

      3. Sfruttamento

      Una grande incognita per questi minatori è ottenere che l'oro venga acquistato al giusto prezzo. Per poter provvedere al cibo e ai bisogni primari delle loro famiglie, i minatori cercano di vendere l'oro il prima possibile. Inoltre, a causa del loro stato spesso illegale, possono essere sfruttati dai mercanti locali.

      La loro posizione all'inizio della catena di produzione lascia i minatori in uno stato molto vulnerabile. Alti livelli di povertà costringono i bambini ad impegnarsi in lavori pesanti per aiutare le loro famiglie.
      Allo stesso tempo, le miniere non autorizzate possono essere collegate a paesi segnati da conflitti armati e violazione dei diritti umani. Se le miniere non sono propriamente regolate, l'oro estratto in queste condizioni può entrare nella catena di produzione dei gioielli e finire anche nei negozi vicino casa.

        Cosa significa "Fairtrade"?

        Fairtrade (tutto attaccato) è un'organizzazione presente in tutto il mondo e un marchio di certificazione etica.
        Il suo intento è quello di aiutare i piccoli produttori, che di solito sono i più emarginati, nel raggiungere un livello di vita dignitoso, ma anche il loro pieno potenziale attraverso il commercio.

        fairtrade

        Questo è il marchio Fairtrade ed è applicato a tantissimo prodotti: cioccolata, caffè, banane, tè e a tanto altro ancora.

        Per ogni prodotto esistono gli Standard Fairtrade (leggi tutti gli standard), ovvero delle norme rigorose alle quali devono attenersi tutti gli attori della filiera e che, stabilite a livello internazionale, permettono di:

        • Riuscire sempre a pagare ai produttori un prezzo minimo, che è garantito e stabile perché coerente con il valore reale del prodotto (Fairtrade Minimum Price).
        • A questo prezzo equo si aggiunge il Fairtrade Premium, un margine aggiuntivo pagato ai produttori da investire in progetti sociali, sanitari e di business development attraverso un programma partecipativo e democratico. Sono gli stessi produttori, infatti, che decidono come utilizzare il Fairtrade premium.
        • Divieto di lavoro minorile.
        • Condizioni di lavoro che rispettino la dignità umana.
        • Premium aggiuntivo per l'agricoltura biologica certificata.
        • Prefinanziamento del raccolto.
        • Rapporti commerciali diretti e duraturi.
        • Pieno rispetto degli standard ambientali, come il divieto di impiegare organismi geneticamente modificati (OGM).

        Cosa è l'Oro Fairtrade?

        Fairtrade Gold è il primo sistema di certificazione etica indipendente per l'oro al mondo ed è stato lanciato nel 2011.
        Questo significa che Fairtrade lavora con le piccole miniere artigianali per supportarle ed aiutarle a raggiungere gli standard internazionali per l'estrazione responsabile delle risorse. 

        Fairtrade gold

        L'Oro Fairtrade è lo stesso metallo prezioso che siamo abituati e vedere, sognare e indossare. Non è più bello, più lavorabile o di maggiore qualità di qualsiasi altro.
        Può essere di 9kt, 14kt, 18kt, 22kt: può essere come vogliamo.

        Pur tuttavia, grazie al rispetto dei rigorosi Standard Fairtrade, l'Oro Fairtrade è completamente tracciabile non lascia tracce di sfruttamento o cieco inquinamento...Proprio come la cioccolata, il caffè e gli altri prodotti a marchio Fairtrade che siamo abituati a vedere nei supermercati. 

        Da dove viene l'Oro Fairtrade

        Sud America

        Per ora la maggior parte dell'Oro Fairtrade viene da miniere certificate del Perù. Tra queste la più grande, Miniera Aurifera Cuatro de Entro S.A (MACDESA), è alle radici delle Ande nel deserto di Atacama.
        La comunità di minatori è lontana miglia e miglia dalla città più vicina: questo significa che hanno difficoltà nell'accedere a sanità e negozi, e sia l'acqua che l'elettricità sono limitate.

        macdesa

         

        Africa

        Fairtrade al momento sta lavorando con numerose comunità di minatori nell'africa orientale al fine di aiutarli a raggiungere i requisiti necessari ad ottenere la certificazione Fairtrade.
        Nel 2016 due miniere hanno ottenuto la certificazione in Uganda e Kenya.

        Miner Josephine Aguttu dice che prima dell'arrivo di Fairtrade erano totalmente soli: 
        "Il nostro intermediario aveva paura perché sapeva che quando ci saremmo organizzati, non sarebbe stato più così semplice sfruttarci - ecco perché fummo così contenti quando sentimmo parlare di Fairtrade. Prima di allora stavamo morendo in silenzio." 
        fairtrade africa
        Alla fine del 2016 SAMA è diventata la prima associazione di estrazione certificata Fairtrade dell'Africa.
        Si trova in Uganda ed è composta da 33 membri: 19 uomini e 14 donne. Ottenere la certificazione è stato molto duro, ma negli ultimi 3 anni ogni membro del gruppo ha ricevuto un training in merito a business, imprenditorialità, diritti del lavoro, sicurezza, salute, e tanto altro. Ora sono riconosciuti dal governo locale e possono anche insegnare agli altri come lavorare con maggior sicurezza.
        Questa esigua manciata di minatori produce a mala pena 5 kg di oro l'anno ma, grazie ai Premi Fairtrade e ai progetti che nascono da essi, il ritorno alla intera comunità è significativo.

        "Il mio messaggio agli estimatori dei gioielli è questo, che il nostro oro è speciale. La nostra è la prima miniera certificata di tutta l'Africa. Abbiamo fatto la nostra parte e sognamo di espandere il nostro commercio, migliorare le nostre condizioni e ora vi chiediamo di fare la vostra. Se comprerete Oro Fairtrade, cambierete la vita dei minatori e permetterete ai bambini di andare a scuola ."
        dal Guardian, "Fairtrade's first gold mine in Africa provides bright future for community"

        L'importanza della tracciabilità

        Cosa vuol dire quando l'oro ha la certificazione Fairtrade?

        "Fairtrade Gold" (Oro Fairtrade") è la formula usata per indicare l'oro che è stato estratto, lavorato e commercializzato in pieno accordo degli Standard Fairtrade per i Metalli Preziosi. Questo significa che le miniere sono organizzate e hanno il diritto di esercitare la loro attività, permettendo ai minatori di prendere decisioni democraticamente e gestire il denaro in maniera appropriata.

        Tutte le miniere e le aziende che acquistano, lavorano e vendono Oro Fairtrade sono ispezionati da un ente di controllo indipendente. 
        Questo include anche lavorare l'Oro Fairtrade separatamente da qualsiasi altro metallo in ogni fase del processo di lavorazione.

        Fairtrade UK

        Vale a dire che quando non riesco a realizzare qualcosa nel mio laboratorio e ho bisogno di una mano, devo rivolgermi solo ad aziende controllate, certificate e autorizzate.

        Questa è una grandissima novità nell'industria orafa, perché il sistema Fairtrade permette di seguire la storia dell'oro - permette di essere certi della sua reale provenienza. 

        Le legislazioni in merito al commercio dei metalli preziosi si preoccupano di tutelare innanzitutto i diritti del consumatore, cioè che il materiale utilizzato sia realmente quello dichiarato dal venditore. Non importa il passato del metallo, ma la sua effettiva natura.
        Mentre si ha interesse nel conoscere e garantire la provenienza delle pietre preziose, perché determinante per il loro valore commerciale (pensa agli smeraldi della Colombia e ai rubini di Burma); per i metalli questa urgenza non esiste. 

        Dunque.
        Cosa sappiamo dell'origine dell'oro classico?
        Cosa finanziamo scegliendo quell'oro lì?
        Il non sapere mi esula da ogni responsabilità?
        Quale è il vero valore sociale di un gioiello? E se crediamo che il valore di un gioiello dipenda innanzitutto dal significato che decidiamo di fargli veicolare, allora come possiamo non interrogarci sulle ingiustizie che potrebbe aver contribuito a creare?

        No, non è tutto  oro quello che luccica.

        Gli Standard assicurano:

        - prezzi migliori e migliori termini di scambio
        - protezione dell'ambiente nel quale i minatori lavorano e vivono
        - miglioramento della salute e sicurezza per le persone che lavorano dentro e fuori le miniere - questo include anche educazione alla sicurezza

        Usare le sostanze chimiche in maniera sicura

        Vietare immediatamente l'uso del mercurio vorrebbe dire che molte miniere non potrebbero entrare all'interno del sistema di certificazione Fairtrade. 
        Al contrario, Fairtrade sta lavorando con i minatori per aiutarli innanzitutto a utilizzare le sostanze chimiche in maniera sicura, portandoli alle condizioni di poterne fare a meno in futuro.

        Cosa dire su altri metalli come argento e platino, o le pietre preziose?

        Al momento Fairtrade lavora soltanto con miniere di oro.
        Piccole quantità di argento e platino talvolta vengono trovati assieme all'oro. Quando ciò accade è possibile vedere gioielli in Argento Fairtrade e Platino Fairtrade. Purtroppo il volume di questi metalli è così esiguo che può essere utilizzato solo da pochi orafi.

        Fairtrade non lavora neanche nel settore dei diamanti e pietre preziose. Speriamo tutti che saremo in grado di lavorare con altri metalli e materiali nei prossimi anni, ma questo accadrà soltanto se la domanda arriverà forte dalle aziende e dalle persone.

        Quale è il prezzo equo dell'oro?

        Affinché dell'oro sia certificato come Fairtrade, i minatori devono essere pagati almeno al "Fairtrade Minimum Price".

        Per l'Oro Fairtrade, il Prezzo Minimo è fissato al 95% del prezzo al quale l'oro viene venduto sui mercati internazionali. Questo significa che i minatori sono pagati per quello che l'oro vale realmente, ed è sostanzialmente di più rispetto al prezzo che riceverebbero dai commercianti locali. Vale a dire che vengono equamente ricompensati per il loro duro lavoro.

        fairtrade gold

        Il Fairtrade Premium 

        Oltre al Prezzo Minimo, i minatori vengono pagati anche con il "Premio Fairtrade", una somma di denaro che possono spendere a favore della loro comunità e business, in base ai loro bisogni. Il Premio è fissato a 2000 $ per chilo.

        La visione di Fairtrade è un mondo dove le piccole miniere artigianali possano fornire un'esistenza sicura e degna a chi vi lavora.

        "…I hope our money will double when we get the Fairtrade price which will mean I can send my children to better schools."
        Simon Wabwire, apppatenente a SAMA, la prima miniera africana ad aver ottenuto la certificazione Fairtrade 

        fairtrade gold

        Di come Fairtrade stia facendo la differenza

        Le prime miniere certificate Fairtrade hanno già cominciato a portare cambiamenti positivi ai loro commerci e comunità.
        I minatori del Perù sono stati in grado di migliorare la loro scuola primaria locale. Inoltre sono riusciti a provvedere il villaggio, per la prima volta, di un dentista e fondato un alimentare no-profit cosicché le persone possano acquistare cibo ad un prezzo economico.

        Altri progetti includono:

        Spostare i villaggi dei minatori in zone più sicure, lontani dalle entrate delle miniere così da proteggere gli abitanti dall'esposizione alle sostanze chimiche

        - Migliorare il sistema di approvvigionamento e distribuzione dell'acqua in modo da prevenire i disturbi causati da acqua contaminata

        - Provvedere le scuole con dei computer per permettere ai bambini di accedere ad internet per la prima volta

        - Acquistare i macchinari per gli ambulatori locali affinché le persone non debbano viaggiare per centinaia di miglia per ricevere cure mediche

        fairtrade international

        Dare potere alle donne

        Un quinto dei minatori nel Sud Africa sono donne.
        Fairtrade ha aiutato molte di loro a diventare indipendenti economicamente. Nella città di Santa Filomena, in Perù, le donne minatrici hanno fondato l'associazione Nueva Esperanza Association. Queste hanno utilizzato il loro Premio Fairtrade per creare un laboratorio per cucire i sacchi utilizzati per raccogliere le rocce e un asilo dove lasciare i bambini mentre sono al lavoro.

        " Vorrei far capire (alle persone) che quando acquistano il nostro oro stanno facendo una cosa buona, e aiutando molte donne che lavorano duramente per estrarre l'oro."
        Jenny Torres Delgado, 27, Santa Filomena, Peru

        fairtrade gold

        I benefici di essere organizzati

        Fairtrade spinge e supporta i minatori ad organizzarsi in cooperative. Facendo questo possono essere riconosciuti come un'attività legale, gestire meglio il loro denaro ed essere sicuri che ogni decisione sulla loro attività venga presa in maniera equa.

        "Prima di Fairtrade vendevamo l'oro a degli intermediari...Lo vendevamo utilizzando delle piccole bilance. Non sapevamo se queste fossero corrette o meno, non conoscevamo i nostri diritti e neanche quanto puro fosse il nostro oro."
        Victor Juan Hurtado Padella, Deputy Mayor of Santa Filomena, Peru

         

        fairtrade gold

        ___________________

        Nel luglio 2016 Maraismara è diventato il primo laboratorio orafo italiano autorizzato a lavorare l’Oro Fairtrade. 

        Sono grata per questa opportunità che mi è stata concessa, per la fiducia che Fairtrade International e Fairtrade Italia ripongono nel mio entusiasmo. 

        Mara Bragaglia

        Un grazie speciale va a Victoria Waugh, gold product manager per Fairtrade Foundation a Londra, che per prima ha creduto nella mia idea...ovvero ha creduto a una ragazza italiana che prende il tè con un'ora di anticipo, con zero risorse, che fino ad allora non aveva venduto un numero di gioielli in oro tale da incoraggiare questa avventura senza precedenti in Italia, che non vendeva in nessun negozio, che non esponeva in nessuna fiera, che non era sotto l'ala di nessuna agenzia, che non aveva alcuna agevolazione fiscale o finanziamento, ma che aveva migliaia di persone su Instagram Facebook pronte ad ascoltarla e a darle almeno una chance.


        Sì, hai capito bene: tutto questo è stato possibile proprio grazie a te che leggi. E tutto questo non è che l'inizio.
        Grazie.
         
        Per ora - per ora - le chiusure e alcune catene restano composte da normale oro, perché non posso realizzarle nel mio laboratorio, ma è - ripeto a me stessa e a tutti - appena l'inizio.

        ...dal Perù a Torrice, ci pensate?
        Una goccia non è mai poca,
        un carattere non è che una volontà completamente forgiata,
        e noi non siamo che le nostre scelte.